È calato il sipario sulla notte degli Oscar

05 March 2014 IN Curiosità
È calato il sipario sulla notte degli Oscar
Gossip a parte, ecco una breve rassegna dei film che si sono meglio difesi sul prestigioso Red Carpet.15 anni dopo "La vita è bella" di Roberto Benigni, l'Oscar per il miglior film straniero è tornato in Italia e, precisamente, nelle mani di Paolo Sorrentino, il regista di "La grande bellezza". Sembra quindi che il tema del "bello" porti fortuna al nostro Paese. Ambientato a Roma, il film racconta la storia di un giornalista sessantacinquenne che segue gli eventi mondani della capitale. Un omaggio alla "Dolce vita" di Fellini e alla "Notte" di Antonioni. Un omaggio all'unica città al mondo capace di far sentire l’eternità. L'Oscar come Miglior Film è andato a "12 anni schiavo" di Steve McQueen, il primo regista di colore a vincere la famosa statuetta dal 1929. “Tutti meritano di vivere, non solo di sopravvivere” è stato il messaggio più toccante del suo discorso di ringraziamento. Il film è ambientato nell’ottocento e racconta la storia di un violinista nero che vive nel nord dello stato di New York con la moglie e i figli e poi viene rapito e venduto come schiavo. Il terzo film più premiato è stato "Gravity", un'odissea nello spazio che ha fatto conquistare al messicano Alfonso Cuaròn l'Oscar come miglior regista, il primo dato dall'Academy ad un artista latino. Avevamo anticipato che non si sarebbe parlato di gossip ma come non fare almeno un accenno all'autoscatto fatto dalla conduttrice della serata in compagnia di star del calibro di Julia Roberts e Brad Pitt? La foto è stata ritwittata (per i meno esperti, vale a dire condivisa sul social network Twitter) oltre 2 milioni 319mila volte, battendo tutti i record, anche quello del presidente Usa Obama per la rielezione nel 2012. FONTIwww.internazionale.itwww.repubblica.itwww.cineblog.it

Seguici su Linkedin per restare aggiornato