Giubileo 2015: occasione di crescita non solo spirituale.

30 November 2015 IN Attualità
Giubileo 2015: occasione di crescita non solo spirituale.
In occasione del Giubileo straordinario della Misericordia annunciato da Papa Francesco, Roma si prepara ad un salto nel futuro, con un occhio al passato.Un'opera di misericordia da 11 miliardi di euro in cinque anni. A tanto ammontano le previsioni economiche delle entrate per quello che si annuncia come il Giubileo più redditizio della storia recente. Si calcola che a partire dal prossimo 8 dicembre possano arrivare a Roma fino a 30 milioni di pellegrini. Un successo superiore a quello del Duemila, il giubileo del millennio indetto da Wojtyla e preparato con molti anni di anticipo che fece arrivare a San Pietro 25 milioni di persone da tutto il mondo. Per un paradosso della storia il Giubileo della Misericordia indetto da Francesco per ricordare al mondo che esistono le periferie e la povertà, potrebbe diventare quello con l'effetto maggiore sul pil: un incremento del 2,4 per cento sul prodotto interno lordo della capitale e dello 0,7 per cento a livello nazionale. Quel che conta è anche l'aspettativa che il Giubileo straordinario può generare nelle imprese. In uno studio della Università Sapienza è previsto che l'evento possa portare tra i 4.300 e i 5.300 posti di lavoro in più. I primi segnali di una ripresa legata al Giubileo ci sarebbero già: la Camera di Commercio della Capitale ha infatti presentato uno studio che segnala un aumento degli investimenti delle imprese romane nel mese di settembre, un aumento superiore alla media nazionale. Un restyle della Capitale che coinvolge anche le infrastrutture pubbliche, a partire dalla Stazione Termini dove i binari diventano hi-tech: sono state infatti posizionate ben 100 nuove barriere di vetro e cemento, che le Ferrovie dello Stato italiane useranno per rinforzare i varchi di accesso ai binari del principale scalo nazionale. Una misura comunque temporanea: tra il 2017 e il 2018, quando i lavori della piastra parcheggi e servizi saranno completati, arriveranno in stazione i futuristici varchi firmati Giugiaro. Vetrate con il logo Fs e display con indicazioni per i passeggeri daranno il benvenuto ai viaggiatori nell’area dei treni. Modernizzazione, ma senza perdere di vista le origini della Città Eterna: da settembre infatti è stato ri-attivato il “Treno delle Ville Pontificie”, che in un’ora porta a Castel Gandolfo, percorrendo la linea turistico-religiosa  nell’ambito di un Tour in collaborazione con i Musei Vaticani. Il nuovo servizio è stato inaugurato con la locomotiva storica del treno a vapore delle Ferrovie e passa per le stazioni San Pietro, Ostiense, Tuscolana e Casilina, percorrendo l’itinerario che corre lungo gli acquedotti dell’Appia fino a giungere a Castel Gandolfo, dove si può visitare il palazzo apostolico, residenza estiva dei papi, con gli splendidi giardini e la galleria dei Ritratti dei Pontefici. L'effetto maggiore del Giubileo sull’economia romana non si avrà comunque nei primi mesi del 2016, ma tra la fine del prossimo anno e l'inizio del 2017: il picco di incremento dell'occupazione, sostiene la ricerca della Sapienza, è previsto per i primi mesi dell'anno successivo alla chiusura del Giubileo. Questo perché si immagina che l'evento possa avere un effetto di trascinamento sull'economia della capitale che durerà fino al 2020. I calcoli esatti sul miracolo della Misericordia, naturalmente, si faranno alla fine.fonte: Repubblica.it

Seguici su Linkedin per restare aggiornato