La strategicità delle Informazioni Commerciali per il Recupero Crediti

08 September 2017 IN Business Defence
La strategicità delle Informazioni Commerciali per il Recupero Crediti
Quando si parla di Informazioni Commerciali per Recupero Crediti si parla dell’insieme delle informazioni reddituali, patrimoniali o semplici rintracci sui debitori finalizzate al recupero di un credito.

Infatti in caso di mancato pagamento di una fattura o della mancata restituzione di un prestito la prima informazione di cui si necessita è il domicilio del debitore con riferimento non solo della residenza ma anche del luogo ove realmente è reperibile il debitore al fine, per l’appunto, di effettuare una comunicazione e tentare una bonaria transazione.

La residenza è utile anche ai fini del perfezionamento della notifica di atti giudiziari al debitore al fine di canalizzare correttamente un eventuale procedimento giudiziario.

Laddove, però, non fossero disponibili beni da aggredire il procedimento giudiziario non avrebbe molto senso, in quanto i costi giudiziari (contributo unificato, imposte e bolli vari) nonché la parcella dell’avvocato, inciderebbero gravemente ed inutilmente sulle tasche del creditore.

È bene quindi richiedere un'informazione commerciale sui beni aggredibili in capo al debitore.

È altresì doveroso ricordare che il pignoramento immobiliare, effettuato mediante iscrizione di ipoteca e poi esecuzione giudiziaria dell’immobile è molto costosa ed è quindi giustificata solo in presenza di crediti molto elevati e beni di valore consistente.

Tuttavia nella maggior parte dei casi in cui si hanno crediti di piccola o media entità l’obiettivo più facilmente percorribile è il pignoramento presso terzi.

Cos’è il pignoramento presso terzi e come funziona?

Con il pignoramento presso terzi, il creditore pignora non già i beni attualmente nella disponibilità materiale del debitore, ma quelli che ancora non si trovano nel suo possesso: si tratta, di norma, di somme di denaro che gli devono essere versate da un soggetto terzo, come ad esempio il datore di lavoro, la banca, l’ente di previdenza, l’inquilino, ecc. Proprio per questo, tale soggetto viene definito “debitore del debitore”. In pratica, il creditore notifica l’atto di pignoramento non solo al debitore, ma anche al suo debitore (ecco perché “debitore del debitore” o anche “terzo pignorato”), intimando a quest’ultimo di consegnare, direttamente al creditore – e non già al debitore – la somma pignorata.

Business Defence - vincitrice ai Credit Management & Collection Awards del premio “Miglior Agenzia di Investigazione Privata sul Credito 2016” - offre un’ampia gamma di servizi sia su persona fisica che giuridica con gradi progressivi di approfondimento in base all’entità del credito da recuperare.

Verifica Attività Lavorativa

Questo sistema abbastanza economico permette di recuperare il proprio credito nel tempo, mediante prelievi mensili della pensione o dello stipendio. Certamente questo rappresenta un sistema economico di recupero del proprio credito utile nei casi di importi non particolarmente elevati.

Indagine Bancaria

Si tratta di indagini finalizzate ad individuare le relazioni bancarie intrattenute dal debitore. Uno strumento particolarmente efficace in caso di persone giuridiche. Risulta molto fastidioso per un’azienda il pignoramento presso uno o più istituti bancari con i quali opera e verosimilmente possiede delle linee di credito.

Esistono anche indagini che aggregano i diversi servizi come posto di lavoro e rintraccio del conto corrente.

Per richiedere un test gratuito: scrivi a welcome@businessdefence.it

Seguici su Linkedin per restare aggiornato