PMI & Internet of Things

08 February 2017 IN Attualità , Business Defence
PMI & Internet of Things
Un terzo delle PMI italiane non ha un dominio internet e ancora meno usa i social. Poche si adoperano in attività di marketing online e nell’ecommerce. I dati dell'indagine Made in .it

Digital, questo sconosciuto. Soprattutto per le micro imprese italiane, come evidenziato dallo studio condotto da una società specializzata in ricerche di mercato per conto dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr nell'ambito del progetto "Made in .it", nato dalla collaborazione tra Registro.it e IlSole24ore. Andando a studiare il rapporto tra PMI e digitalizzazione, i risultati sono molto poco confortanti per quanto riguarda l'uso del web come strumento di business, attraverso siti e social network.

Su un campione di 1.200 aziende, con meno di dieci dipendenti, e tute dotate di una connessione internet (il 5% più di una), un terzo circa non ha un dominio web registrato. E il 20% non ha intenzione di dotarsene nel medio periodo. Tra quelle che hanno un sito personale, solo il 28% utilizza anche i social network più comuni. Facebook, ovviamente, la fa da padrone, seguito dai concorrenti (Pinterest, Twitter, Linkedin, Instagram). Ancora meno sono le micro imprese che investono sul marketing online e pochissime quelle che offrono un canale distributivo e-commerce.

Il tutto deriva da investimenti bassissimi (inferiori al 5%) in innovazione: una pratica comune al 69% delle micro imprese. Parlare a questi soggetti di Internet of Things e Industria 4.0 è, dunque, una missione impossibile ?

Noi crediamo di no, il commercio elettronico ancora poco sviluppato in Italia potrebbe rappresentare una grande opportunità: per questo vogliamo raccontarvi una delle tante storie di successo che sulla rete si moltiplicano.

Vincenzo Cioffi, esperto di web marketing, ha lasciato una carriera ben avviata per creare la sua impresa, che nell’ultimo anno ha raddoppiato clienti e fatturato.

Un sito di e-commerce specializzato nella vendita di profumi, cosmetici, prodotti per capelli e make-up. È l’idea di Vincenzo Cioffi, 40 anni, esperto di web marketing che nel 2010 ha lasciato una carriera ben avviata in Microsoft per lanciare ProfumeriaWeb.com. Nel 2015 la startup è entrata nell’incubatore Digital Magics. Da allora ha duplicato fatturato e numero di clienti. Oggi è stata valutata 6 milioni di euro.

Certo le difficoltà non sono mancate racconta Cioffi in una intervista a Millionaire : Innanzitutto “lo scetticismo degli altri. Quando ti presenti a un fornitore dicendo che lavori per una grande azienda hai subito credibilità e fiducia. In altre nazioni europee c’è ammirazione per il giovane che si avventura nell’imprenditoria e di conseguenza gli aiuti sono maggiori.”

“Per esempio, un corriere al quale mi ero rivolto per le spedizioni, mi ha risposto che la mia azienda non spediva abbastanza. Quando cercavo un furgoncino da noleggiare a lungo termine per trasportare la merce, il fornitore mi ha chiesto un pagamento anticipato perché non aveva sufficienti garanzie che io potessi pagare le rate mensili. Anche la banca si è rifiutata di darmi una carta di credito e ho dovuto ripiegare su una prepagata. Insomma sembravo don Chisciotte contro i mulini a vento. A volte c’è troppa sfiducia e poca flessibilità. Invece serve un ecosistema di fornitori e partner che credono nella tua iniziativa».

Ma Cioffi non ha mai pensato di mollare. Il suo sito ProfumeriaWeb ha puntato su un vasto assortimento dei prodotti, con più di 8000 articoli, anche difficili da trovare in profumeria; prezzi vantaggiosi con sconti fino all’80%; la qualità del servizio, con consegne in 24-48 ore, la possibilità per il cliente di pagare alla consegna o di ritirare il prodotto in un Fermo Point (punti di ritiro) e l’assistenza ai clienti. Chi acquista inoltre riceve continui aggiornamenti sullo stato della spedizione e un sms il giorno della consegna. In più, dopo la consegna chiediamo un feedback al cliente tramite email. I dati sono analizzati da una società indipendente e il risultato è che il 90% dei clienti assegna 5 stelle al servizio. Per questo il sito ha ottenuto il Sigillo Gold del Consorzio NetComm, certificazione di qualità e affidabilità, e una menzione speciale al NetComm Award 2016 nella categoria cosmetica e benessere».

Cioffi consiglia chi vuole intraprendere nell’e-commerce di stare attenti ai costi e di porre un’attenzione maniacale ai numeri. “Questo è un business di volumi, guadagni se riesci a moltiplicare le vendite e a creare economie di scala. A tutti dico di fare network. A volte, soprattutto all’inizio, ti metti a lavorare a testa bassa e rischi di perdere il contatto umano con le persone. Non isolarti, parla con amici, fornitori, partner, clienti. In questo modo possono nascere nuove idee e opportunità. Sii sempre curioso. Confrontati con gli altri, condividi le tue esperienze con altri imprenditori.”

Noi di Business Defence crediamo nelle opportunità che può offrire il mercato e-commerce.

Clìpeo è il servizio Online di Business Defence per la ricerca di Informazioni di valore in modo facile e veloce.

Devi verificare se il nuovo inquilino sarà un buon affittuario, devi effettuare un acquisto On line da un soggetto di cui non conosci l’affidabilità ? Oppure rintracciare l’amministratore che si è reso irreperibile intascando il denaro dei condomini ? Devi verificare l’affidabilità di un socio ? Devi effettuare delle indagini per un’eredità controversa ? Oppure devi verificare l’affidabilità dei una badante e della baby sitter ? Devi svolgere delle indagini per conoscere la situazione patrimoniale del tuo ex coniuge ?

In queste ed in tante altre situazioni in cui ci imbattiamo quotidianamente necessitiamo di Informazioni, e  Clìpeo ti aiuta a reperirle.

Seguici su Linkedin per restare aggiornato